I mentor di CoderdojoBrianza sono divisi in due tipologie: mentor bambini e mentor genitori.

Mentor bambini

Sono il cuore del nostro movimento, senza di loro non ci sarebbe CoderDojoBrianza!  Sono informatici, ingegneri o “smanettoni” che mettono a disposizione un po’ del loro tempo libero (generalmente il sabato pomeriggio e qualche ora al mese per hangout serali di preparazione) per insegnare ai giovani come programmare da soli il proprio videogioco. Non hanno paura di “sporcarsi le mani” con formule matematiche e operazioni logiche e, soprattutto, non temono orde di ninja che chiedono a gran voce di realizzare videogiochi molto fantasiosi!

Mentor genitori

Sono appassionati di nuove tecnologie ma sono anche interessati ad approfondire gli aspetti didattici, sociali ed educativi che questi strumenti offrono ai bambini e ragazzi. Come i mentor bambini, anche i mentor genitori mettono a disposizione un po’ del loro tempo libero (generalmente il sabato pomeriggio e qualche ora per la preparazione dei contenuti del loro intervento) per proporre ai genitori una discussione sulle tematiche che tanto gli stanno a cuore. Sono persone socievoli ed aperte al confronto, non danno per scontato che i genitori la pensino come loro e che siano entusiasti di ogni novità tecnologica ma provano ad affrontare la questione in termini costruttivi, suggerendo possibili interazioni positive e mettendo in guardia da eventuali rischi connessi alla vita 2.0.

Se leggendo questa pagina avete pensato che potreste essere bravi mentor (per bambini o genitori) mandateci una vostra presentazione, vi contatteremo presto!

Questi sono i mentor attualmente attivi a Coderdojo Brianza. Nelle edizioni precedenti hanno collaborato con noi altri mentor e amici

Federica Triglia
Analista software

Da sempre appassionata di web, convinta sostenitrice della progettazione e dell'usabilità. Lavoro nel campo dell'editoria digitale, sono mamma di due bimbi e nel tempo libero mi dedico ad insegnare il coding ai ragazzi in età scolare. Dell'informatica mi attrae il risvolto sociale, di CoderDojo mi piacciono l'entusiasmo, la condivisione, la creatività.

Blog
Debora Mapelli
Bibliotecaria

Bibliotecaria, blogger, appassionata di nuove tecnologie e mamma di un giovane ninja! Mi piace incontrare i genitori dei nostri aspiranti programmatori perche` durante le due ore che passiamo insieme si abbattono i muri di ruoli e timidezze reciproci e ci scambiamo idee, consigli ed esperienze che ci aprono la mente sul nuovo ruolo educativo che possiamo avere nei confronti di una generazione che dovra` contare sulla filosofia open source per provare a migliorare questo pazzo mondo.

Sandro Bonazzola
Senior Manager

Lavora come Manager per Red Hat nel campo della virtualizzazione (oVirt, RHV). Da parecchi anni collabora nel tempo libero a diversi progetti Open Source ed ora lo fa a tempo pieno. È un papà impegnato, cuoco ufficiale della domenica e blogger quando capita.

Fabio Borini

Informatico per passione, interprete di numeri per lavoro. Ho iniziato con un Commodore Vic20 negli anni 80 e da allora l’informatica mi ha sempre accompagnato. Seguire il “filo logico” di un computer e “convincerlo” a fare quello che si ha in mente è entusiasmante. Quasi nulla è impossibile: l’informatica, qualche volta, lo dimostra.

Francesco Ronsivalle
Ingegnere informatico

Laureato in ingegneria elettronica con la "vecchia scuola". Per lavoro e per passione da sempre impegnato con Linux e software open source. Profondamente convinto che conviene - eticamente ed economicamente - condividere le proprie conoscenze, e cercare di diffondere la filosofia del libero scambio perchè tutti poi ne beneficeranno.

Renzo Sequenzia
Senior System Engineer

Lavoro come Senior System Engineer per una multinazionale dell'IT . Come molti ho iniziato con l'informatica sui banchi di scuola . Programmare non vuol dire saper scrivere codice ma saper trovare l'approccio migliore per risolvere un problema. Ho cercato di condividere queste conoscenze con miei figli, alla fine ho imparato che la cosa piu' importante e' stimolare la loro curiosita'. Ci sono mille modi per risolvere lo stesso problema: loro troveranno sempre una soluzione diversa dalla tua e alla fine è straordinario vedere la loro soddisfazione per il risultato ottenuto.

Fernando Piergianni
Perito informatico

Perito informatico, lavoro in un'azienda di telecomunicazioni e mi occupo di apparati di rete. Malgrado con i miei 51 anni non sia un nativo digitale, posseggo un pc dal 1989 da quando gli hard disk avevano 4Mb di capacità e si usavano i floppy disk. Ho programmato in basic, fortran, pascal, clipper, lisp. Ultimamente ho sfidato VBA e joomla. Mi piacciono la matematica, la scienza e la tecnologia in genere.

Michele Di Bitonto
Pensionato - ingegnere nucleare
Il meno giovane all’anagrafe ma giovane per l’entusiasmo per l’informatica e per la passione di trasferire le conoscenze ai giovani, continuando anche a studiare con loro se necessario. Ora studente di pianoforte, mi sono sempre occupato di automazione, prima progettando schede e poi legandomi più alla programmazione, attento soprattutto all’usabilità delle applicazioni.
Paolo Mariani
Project Manager

Lavoro come project manager e SQL developer nella divisione finance di una multinazionale di consulenza IT.
Da sempre appassionato di computer e tecnologia, sono passato ai giochi da tavolo quando i nerd sono diventati di moda. A quarant'anni ho deciso che ero sufficientemente maturo per iniziare a praticare il Kung Fu.
Mi piace analizzare problemi e trovare soluzioni, sono convinto sostenitore del lavoro di squadra e della condivisione delle compentenze.
Ho conosciuto CoderDojo durante un camp estivo di mio figlio ed è stato sempre lui a convincermi ad entrare a far parte di questo gruppo.
Mi piace molto lavorare con i bambini, seguire i loro pensieri e le strategie con cui approcciano e risolvono - spesso in modo per me sorprendente - i problemi.