C3DA: i nostri campioni alla Kids Game Jam!

Cristian, Daniele e Andrea, alias C3DA (C come Cristian, 3 come il numero di componenti, D come Daniele e A come Andrea) sono stati premiati alla prima Kids Game Jam di Torino con una menzione speciale per il gioco che hanno presentato. Ma andiamo con ordine…

coderdojo vimercate 21-11-2015-0782

Che cos’è la Kids Game Jam?

Ogni anno, a partire dal lontano 2009, viene lanciato un evento mondiale che si chiama Global Game Jam, a cui partecipano Università, Club e privati da ogni parte del mondo. L’evento dura un week-end: il venerdì i team si riuniscono nei luoghi che aderiscono all’iniziativa, gli organizzatori comunicano il tema ed entro domenica i team partecipanti devono completare e inviare la propria proposta.

La Jam è un’occasione di incontro tra persone che condividono uno stesso interesse, magari con competenze differenti ma tutti accomunati dalla voglia di imparare nuove cose, divertirsi, creare qualcosa di nuovo e soprattutto collaborare.

Nel 2016 la Global Game Jam si è tenuta il 29 gennaio e, per l’Italia, hanno partecipato il Museo degli strumenti per il calcolo di Pisa, I3P di Torino, lo IUDAV di Napoli, Eigen Studio di Trieste, Codemotion e Asset Camera di Roma, TIM #WCAP di Catania, il Politecnico di Milano.

CoderdojoTorino2, con la collaborazione di JRC di Ispra (VA) e Happy OnLife, ha pensato anche ai ragazzi ed ha organizzato la prima Kids Game Jam nazionale.

L’evento principale, a cui hanno partecipato squadre di bambini e ragazzi tra gli 8 e i 17 anni,  si è tenuto a Torino sabato 30 gennaio, l’evento però consentiva la partecipazione anche a scuole e coderdojo di tutta Italia che avrebbero organizzato un appuntamento tra il 23 e il 30 gennaio.

Che cosa dovevano realizzare le squadre?

Il tema e le specifiche del videogioco sono stati comunicati via email la sera prima dell’evento:

Tema: spazio alla fantasia!

Il gioco doveva contenere almeno una di queste caratteristiche:

  • 1 sprite che si muove attraverso la tastiera utilizzando quindi il sensore
    <se tasto… premuto>
  • la variabile punti che aumenta o diminuisce al verificarsi di due condizioni
    prestabilite
  • un operatore matematico a scelta, per esempio per verificare se il giocatore
    ha superato 10 punti userò < ”punti” > 10 >

Da chi era composta la giuria?

Le giurie erano due: una giuria tecnica di cui hanno fatto parte mentor di CoderDojo di Torino e provincia e una giuria di 10 ninja che in particolare ha provato tutti i giochi e ha scelto quello più appassionante e “giocabile”.
I premi sono andati alla miglior idea, al miglior codice e al gioco più giocabile.
Com’è nata la squadra di Coderdojo Brianza?
Il 23 gennaio i mentor di Coderdojo Brianza hanno annunciato a sorpresa la possibilità di partecipare a questo gioco chiedendo ai ragazzi che se la sentivano di formare una squadra e lavorare ad un progetto comune. Cristian, Andrea e Daniele, già ninja da diversi appuntamenti, hanno raccolto la sfida e hanno iniziato a lavorare alacremente ad un progetto.
Che gioco hanno realizzato?
Il gioco prende alla lettera la parola “spazio” del tema e propone una battaglia tra le Forze del bene e quelle del male…

Il caccia della Resistenza deve abbattere le navicelle dell’Impero, cercando di evitare di essere colpito. Per realizzare il gioco i ragazzi hanno utilizzato le loro voci come suoni. Per muovere il caccia si usano le frecce destra-sinista, per sparare si usa la barra spaziatrice. Quando si colpiscono più di 10 navicelle il gioco si ferma, la Resistenza ha vinto!

Come si è classificata la squadra C3DA?

Il giorno 16 febbraio ci siamo emozionati per questa notizia:

CD

La vittoria è stata poi annunciata il 20 febbraio e la palma d’oro è andata a Coderdojo Verona a cui facciamo tanti complimenti!

Le sorprese per noi non erano finite, però:

CD1

Il 20 febbraio siamo stati premiati per la simpatia del gioco proposto: la voce e il raggio laser sono diventati un “tormentone” non solo tra i nostri ninja ma anche tra quelli di CoderdojoTorino2!

Avete ricevuto un premio?

Certo! Abbiamo ricevuto 5 kit di Happy OnLife, un gioco da tavolo in stile “Gioco dell’oca” che si propone come uno strumento educativo, proattivo e partecipativo per una maggiore conoscenza della sfera digitale e dei diritti on-line per i ragazzi tra gli 8 e i 12 anni.

Le domande del gioco sull’uso di internet, dei social networks e dei giochi online stimolano la discussione e permettono ai genitori e agli insegnanti di guidare attivamente i bambini nell’uso delle tecnologie digitali, agevolando la comprensione delle questioni etiche e delle conseguenze delle loro scelte online, aiutandoli quindi a diventare più responsabili e rispettosi anche nella loro vita digitale.

Proporremo questo gioco ai ragazzi che frequenteranno i nostri appuntamenti e inoltre doneremo un kit di gioco a ciascuna delle biblioteche che ci ospitano: in questo modo anche molti altri bambini e ragazzi avranno la possibilità di imparare tutti i trucchi per essere davvero cool quando sono online!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.