Perchè imparare a programmare

Recentemente il coding è balzato agli onori della cronaca, inserito nei buoni propositi della prossima riforma della scuola. Leggere, scrivere ed imparare a programmare: ai genitori che si domandano l’utilità di tutto questo, vogliamo dare una risposta su due livelli: uno pratico ed uno etico.

A livello pratico, non è difficile immaginare che in futuro i professionisti in ambito informatico saranno sempre più richiesti. Già ora si stima che la domanda superi ampiamente l’offerta e le previsioni a livello salariale sono promettenti. Anche senza diventare professionisti in questo settore, la capacità di utilizzare il computer e di destreggiarsi con la rete è già oggi una competenza indispensabile non solo in ambito lavorativo ma anche nella vita quotidiana.
Le competenze alla base della programmazione (pensiero computazionale) sono trasversali a più discipline: una forma mentis che predispone ad affrontare i problemi in maniera creativa, gestire la complessità, allenarsi ad affrontare sfide difficili che ammettono più di una soluzione e spesso richiedono di comunicare e collaborare con altri per arrivare al risultato.

A livello etico formare i ragazzi all’uso delle nuove tecnologie significa trasmettere loro la consapevolezza della portata dell’informazione mediata dalle tecnologie. I ragazzi spesso sono utenti avanzati ma poco o nulla consapevoli: non sanno distinguere le fonti (“l’ho letto su internet”), non comprendono i concetti di diritto d’autore (“è sul web quindi è gratis”), si credono anonimi e quindi hanno una scarsa percezione del senso di responsabilità per cui tendono a comportarsi in maniera imprudente esponendosi a rischi personali, aggredendo il prossimo o fin anche arrivando all’illegalità.
Formare i ragazzi al coding significa mostrare loro cosa sta sotto l’interfaccia: sviluppare il loro senso critico rispetto all’informazione veicolata dal web, sviluppare un nuovo senso civico applicato al digitale.

Speriamo di avervi dato una rassegna di buone ragioni.
Speriamo che la #buonascuola riesca a realizzare entrambi questi obiettivi.
Nel frattempo Coder Dojo già vi si applica con un approccio ludico, di scoperta e condivisione.
Noi non siamo una scuola: non c’è un professore in cattedra e una lezione da ripetere, un esame o un voto finale, una risposta giusta o una sbagliata.
Ci sono adulti appassionati, volenterosi di condividere la propria esperienza e il proprio tempo con dei giovani curiosi, nativi digitali ma non per questo nativamente capaci di programmare.
Vogliamo che i ragazzi abbiano l’occasione di vedere cosa c’è dietro la tecnologia che utilizzano quotidianamente: vogliamo mostrargliene le potenzialità creative, renderli consapevoli dei possibili pericoli, spingerli a passare da utenti ad autori.
Fargli passare un bel pomeriggio in compagnia di altri ragazzi, magari fargli scoprire una passione che possa diventare il lavoro della loro vita.

E se in tutto questo credete che a divertirsi siano solo i bambini, vi sbagliate. Venite ad un nostro incontro, ve ne accorgerete: tanto è quello che si dà ma molto è anche quello che si riceve.

Potete sentire queste stesse motivazioni espresse dalla viva voce di Mitch Resnick, uno dei creatori di Scratch, il software che utilizziamo nei nostri dojo

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.